Cerca

Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo a Venezia, riapertura di un luogo incantevole


Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo “Il giardino d’inverno”, decorazione parietale realizzata da Mariano Fortuny. Foto di Manuela Moschin.

A cura di Manuela Moschin

L'articolo è stato scritto per il sito La voce di Venezia Clicca qui per il link La Voce di Venezia Mi potete seguire anche nel gruppo Facebook Storie di Libri di Pasquale Cavalera. Clicca qui: Link Storie di Libri e nella pagina Facebook https://www.facebook.com/librarte.blog

L’eccezionale acqua alta che colpì Venezia il 12 novembre 2019 danneggiò in modo significativo anche il piano terra del Palazzo Pesaro degli Orfei, luogo in cui si trova la Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo. Mercoledì 9 marzo 2022 è stata riaperta con grande soddisfazione.

Fu il figlio d’arte Mariano Fortuny nato nel 1871 a Granada, che a diciotto anni si stabilì a Venezia, risiedendo poi nel Palazzo, dove curava il suo atelier. Il Museo è un luogo a dir poco incantevole, che testimonia l’ingegno e la capacità artistica di una figura eclettica, che diede particolare valore alla cultura. Fu amico di Gabriele D’Annunzio, Eleonora Duse, Ugo Ojetti, la marchesa Casati, Hugo von Hofmannsthal, Giovanni Boldini e il principe Fritz Hohenlohe-Waldenburg. Grande ammiratore di Richard Wagner, si ispirò alla sua musica per creare opere d’arte, interessandosi di scenografia e illuminotecnica, compiendo dunque una fusione tra la musica e la pittura teatrale. Realizzò finanche alcune scene e costumi per la prima del Tristano e Isotta alla Scala di Milano. Nel 1919 fondò alla Giudecca la nota fabbrica di stoffe, aprendo boutique in varie città europee.

Il Palazzo gotico veneziano venne fatto costruire dal nobile Benedetto Pesaro (1433-1503) a partire dalla metà del Quattrocento ed è situato sul campo San Beneto. Quando Mariano Fortuny nel 1898 entrò nel Palazzo per la prima volta, trovò la struttura in stato di degrado. Con il passare degli anni fece in modo di recuperare l’edificio, che divenne un luogo di sperimentazioni artistiche e scenotecniche, diventando la sua dimora, nonché un laboratorio per la stampa su tessuto. Assieme alla moglie Henriette Nigrin installò l’atelier, creando abiti e tessuti in seta stampati. Fortuny fu un personaggio poliedrico che diede origine a dipinti, incisioni, sculture, fotografie, disegni, lampade tecniche e per l’arredo, modelli teatrali, tessuti stampati, abiti e costumi per la scena. La collezione del Palazzo Fortuny è costituita da una grande quantità di oggetti che interessano quindi diversi ambiti, come la pittura, la fotografia, il tessile.

Per quanto riguarda la pittura è doveroso dare particolare risalto al Giardino d’inverno un salotto impreziosito da decorazioni parietali, animato da figure femminili, immagini allegoriche con satiri e animali esotici. Il tutto inserito in un ambiente architettonico affascinante, situato in una loggia corinzia di grande effetto, ornato da motivi floreali, vegetali, ghirlande e da grottesche. L’immagine del presente articolo raffigura solo una parte di questo spettacolo scenografico per la cui esecuzione Mariano inventò una speciale intelaiatura di carta incollata su teli di canapa, dipinti e fissati alle pareti. Nella medesima stanza è conservato il modello del Teatro delle Feste, progettato da Mariano con la collaborazione di Gabriele D’Annunzio e dell’architetto francese Lucien Hesse. Inoltre, la collezione comprende circa 150 dipinti di Mariano Fortuny, alcuni legati alla ritrattistica raffigurante la sua famiglia, oltre a nudi femminili, nature morte e la pittura rivolta al ciclo wagneriano, del quale spicca il dipinto avente come tema Parsifal, intitolato Le Fanciulle - fiore del 1896. Peculiare rilevanza, invece, per quanto riguarda i tessuti, è la Collezione tessile, soprattutto il Delphos, per la cui realizzazione Mariano si ispirò osservando il chitone ionico, la veste della scultura greca dell’Auriga Delfi rinvenuta nel 1896.

Mariano Fortuny morì il 2 maggio 1949 e dopo la sua morte l’edificio fu donato dalla moglie Henriette al Comune di Venezia, che lo possedette nel 1965. Nel 1975 il Museo venne aperto al pubblico.



Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo “Il giardino d’inverno”, decorazione parietale realizzata da Mariano Fortuny. Foto di Manuela Moschin.



Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo “Il giardino d’inverno”, decorazione parietale realizzata da Mariano Fortuny. Foto di Manuela Moschin.


Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo, Ciclo wagneriano. Parsifal. Le Fanciulle- fiore - 1896, olio su tela. Dipinto realizzato da Mariano Fortuny. Foto di Manuela Moschin.

Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo, Ciclo wagneriano. Parsifal. Le Fanciulle- fiore - 1896, dettaglio, olio su tela. Dipinto realizzato da Mariano Fortuny. Foto di Manuela Moschin.

Casa-Museo Mariano Fortuny y Madrazo, Ciclo wagneriano. Parsifal. Le Fanciulle- fiore - dettaglio, 1896, olio su tela. Dipinto realizzato da Mariano Fortuny. Foto di Manuela Moschin.













866 visualizzazioni1 commento

Lascia tuo commento direttamente nel Blog, qui sopra.

Lascia tuo commento accedendo con Facebook, qui sotto.

Selezione dei Post più recenti.