Cerca
  • Manuela Moschin

Intervista l'Artista: Arturo Bosetti

Arturo Bosetti  “Periferia degradata…” 2019 Tecnica: Mista su tela - cm. 120 x 0,84. 

Buongiorno e Buon fine settimana carissimi, per la rubrica #intervistalartista vi presento Arturo Bosetti un artista che si occupa di pittura, incisione e disegno. 

Arturo ha insegnato “Disegno e storia dell’arte” per 35 anni nelle scuole statali e ha iniziato la sua attività di pittore nel 1961. Alla fine dell’intervista troverete un’ interessante teoria scritta dall'artista dedicata al concetto di luce e colore. 

Un prezioso vademecum rivolto a tutti gli appassionati d’arte nel quale il maestro esprime il suo pensiero con sagacia. La sua è una meditazione relativa agli effetti della luce e del colore che, trasferiti sulla tela, si materializzano inducendo lo spettatore a vivere un’esperienza emotiva molto coinvolgente. 

Racconta Arturo: “La Luce-Colore dà così vita a una libertà visiva ed emozionale le cui possibilità 
si definiscono nelle differenti letture di chi osserva il dipinto”.

Nelle sue opere l’artista raffigura vari soggetti prediligendo i paesaggi. Oggi ci presenta un dipinto intitolato “Periferia degradata…” 2019 (Tecnica: Mista su tela - cm. 120 x 0,84) un tema molto toccante, rappresentato dal pittore con grande maestria mediante tocchi di colore e trasparenze che offrono un'esperienza emozionale e percettiva molto suggestiva. 

Ti ringrazio per il tempo dedicato nel rispondere alle domande e ti chiedo:

Qual è il tuo luogo di nascita? 

Udine (28/10/1938)

Attualmente in quale luogo eserciti la tua arte? 

Modena

Quando hai intuito di avere una predisposizione artistica?

A 18 anni

Qual è stata la tua formazione artistica?

Liceo scientifico, istituto d'Arte "A. Venturi" MO, Accademia Belle Arti BO

Sei stato allievo di qualche maestro/a ? Desideri citare il suo nome?

Prof. Rino Golinelli

Hai ricevuto Premi, Riconoscimenti? Hai partecipato a Concorsi artistici? Indica quelli più rilevanti. 

Si, ma non li ritengo importanti. L'opere parlano per se stesse.

Hai allestito mostre personali e partecipato a collettive? In quali luoghi? Indica quelle più rilevanti.

Diverse e in vari luoghi 

Nelle tue opere c’è un richiamo a qualche corrente artistica? 

Non ci ho mai pensato, la mia è una ricerca di empatia con il fruitore dell'opera (come scrivo nella mia teoria "LUCE E COLORE")

Per le tue opere ti sei ispirato a qualche artista del passato?

William Turner

Qual è il significato dell’opera, cosa rappresenta?

Il degrado sociale….. 

A cosa ti sei ispirato per realizzare l’opera d’arte?

Al degrado del mondo…… d'oggi: "… che non riconosce la disuguaglianza di valore, di merito, di esperienza, cioè la fatica individuale… per un mondo globalizzato…. anonimo. Le apparenze si pagano. (Hanri-Frèdèric Amiel 1871)

Come scegli i temi da trattare?

Sinceramente non lo so.

Possiedi una pagina Web, Facebook, Instagram dove sono pubblicate le tue opere? Potresti indicarci il link? 

Arturo Bosetti Facebook

Teoria "Le forme dell'immaginazione" a cura di Arturo Bosetti:

(I colori del tempo) 

"Ogni cosa, intorno a me - cieli, paesaggi, persone, oggetti-, mi affascina. 

Tutto ciò che vedo è accomunato dalla luce e dal colore. La luce che si fa colore e 
il colore che si definisce nella luce sono l'essenza della mia esperienza visiva e del 
mio modo di coglierla. 

Chiamo perciò LUCE-COLORE l'elemento fondante della visione; la base di quel 
comporsi e scomporsi, confluire e defluire, amalgamarsi e fondersi del tessuto 
cromatico attraverso il quale si configura il nostro vissuto, si definiscono le nostre 
immagini della realtà e si richiamano le nostre visioni - una volta introiettate -, 
facendoci rivivere stati d'animo ed emozioni già provate e nuove. 

Da queste considerazioni prende spunto la mia ricerca pittorica, con l'obiettivo di creare sulla tela quel cromatismo che, procedendo dalla sua base informale - 
nessuna definizione o precisazione della forma visiva - sappia sollecitare in chi 
guarda immagini personali e personali emozioni in un coinvolgimento originale e 
dinamico dello spettatore. 

Si genera così una partecipazione attiva all'opera nel cogliere, fra i molteplici input 
embrionali suggeriti proprio dalla assenza di una forma codificata e stabilita, quello 
più congeniale e significativo per ciascuno. 

La Luce-Colore dà così vita a una libertà visiva ed emozionale le cui possibilità 
si definiscono nelle differenti letture di chi osserva il dipinto. 

Dietro il dipinto c'è il mio lavoro con il mio metodo d'indagine e le scelte operative 
conseguenti. 

Posso dire che il metodo di indagine è: 

"Massima attenzione alla materia LUCE-COLORE, al suo stendersi, amalgamarsi, 
mescolarsi e diffondersi sul supporto; al valore cromatico nel contrastante comporsi 
tra colori primari e secondari; al significato delle forme ottenute nel suo espandersi 
inconscio in mille sfumature atte a stimolare molteplici possibilità sensitive" 

Le scelte operative seguono dei criteri precisi e possono riassumersi così: 

1. La "non Forma" come base di partenza dell'opera 

2. I" Colori Primari" come base del tessuto cromatico 

3. La stesura del Colore" nel suo espandersi, fondersi, amalgamarsi sulla 
tela 

4. Il significato e il valore del" Colore" nei suoi componenti 

5. La massima attenzione alle" Forme" che appaiono durante la stesura 
del Tessuto Cromatico 

6. L'istinto creativo, le conoscenze specifiche e gli studi come elementi fondamentali delle composizioni.

Questa la mia "poetica" d'artista oggi da cui muovo nell'esecuzione delle mie opere". 

Complimenti Arturo! 

Scrivimi e fammi sapere cosa ne pensi

© 2020 by email: librarte.blog@gmail.com . creati con Wix.com