Cerca

L'imperfezione del gioco di Patrizia Francioso edito da Luoghi Interiori

Riflessioni


A cura di Manuela Moschin

Mi potete seguire anche nel gruppo Facebook Storie di Libri di Pasquale Cavalera. Clicca qui: Link Storie di Libri e nella pagina Facebook https://www.facebook.com/librarte.blog

Viviamo in un’epoca alienante, in cui il mondo virtuale e la tecnologia prendono il sopravvento. Un universo fatto di incertezze e ansie, che danno sfogo alle illusioni, dove l’individuo più ingenuo e sprovveduto si ritrova catapultato in altre dimensioni, quelle dei social. Ecco allora che l’attenzione dell’autrice si sofferma sulle debolezze umane, sui motivi in cui, in certune situazioni, il pensiero razionale si fa da parte per dare maggiore adito agli istinti, che al contrario il più delle volte sono irrazionali. Come del resto si evince dal titolo, il protagonista del libro è un gioco online, che funge poi da filo conduttore durante tutto il racconto. Non è una storia lineare, nel senso che si intreccia con una serie di meditazioni eseguite dalla protagonista relative alla sua vita a partire dall’infanzia. Piacevoli versi poetici, in sintonia con la narrazione, fanno da cornice a questo originale testo, dove a causa di una serie di insoddisfazioni personali, il virtuale diventa un rifugio su cui sfogare i propri malesseri, anche se, a rigor di logica, si rivelerà una trappola angosciante. La stessa protagonista rimane sconcertata dai suoi atteggiamenti, che si prospettano sempre più insensati, in un turbinio di profonde fragilità. Con questo brillante romanzo, la scrittrice travolge il lettore in un viaggio oculato e ricco di riflessioni. Complimenti Patrizia.

«Ti prendo, prima o poi ti prendo. Riuscirò a metterti sotto, attenta!»

Chiunque fosse, era talmente spontaneo in quei messaggi che Teresa non poté sottrarsi dal rispondergli: «Sì, sì, provaci dai». Aggiungendo poi in tono ammiccante: «Ti avviso, però, ho mio marito a fianco».

«Ti metterò sotto ugualmente, ahahah!» (Da “L’imperfezione del gioco di Patrizia Francioso).


Sinossi

È un’esistenza troppo fragile quella di Teresa e la realtà virtuale in cui si è rinchiusa, unica carceriera di se stessa, la mantiene in un equilibrio troppo instabile per non mandare in pezzi la quotidianità che la circonda. Una partita subdola, con la sua figura di donna, di madre e di moglie, con la disciplina e le tradizioni, con i propri desideri e le proprie paure, con il bisogno di essere amata e di amare: un gioco inquietante e paralizzante, che blocca il lettore nel mondo virtuale. Il percorso verso la luce dovrà tracciarlo lui stesso, tra le pagine di una storia paranoica e crudele, aguzza e attaccata ai silenzi, che non indica a nessuno la strada.

85 visualizzazioni0 commenti

Lascia tuo commento direttamente nel Blog, qui sopra.

Lascia tuo commento accedendo con Facebook, qui sotto.

Selezione dei Post più recenti.