Cerca

La statua di Eros con l'arco

Museo Archeologico, Venezia


Eros che incorda l'arco, copia romana (prima metà del I sec. d.C.) da originale lisippeo del 335 a.C. Collezione Giovanni Grimani, 1587. Museo Archeologico Nazionale, Venezia. Foto di Manuela Moschin. (Fig. 1)

A cura di Manuela Moschin

Mi potete seguire anche nel gruppo Facebook Storie di Libri di Pasquale Cavalera Clicca qui: Link Storie di Libri

Passeggiando tra le calli di Venezia ci si imbatte in diversi musei, dove si incontrano personaggi strepitosi, che sembrano quasi reali, come questa bellissima statua in marmo greco, che ritrae un Eros con l'arco (Fig. 1). In questo caso siamo in Piazza San Marco, dove si trova questa copia del I secolo d.C. conservata nel Museo Archeologico Nazionale, derivante da un originale del IV secolo a.C. Il Museo custodisce opere di scultura antica provenienti da collezioni private di nobili famiglie veneziane. La raccolta in origine apparteneva a Domenico Grimani e al nipote Giovanni, vissuti nel XVI secolo. L'esposizione è visitabile al primo piano delle Procuratie Nuove in Piazza San Marco, assieme al Museo Correr e alle Sale Monumentali della Biblioteca Marciana. La statua raffigura Eros che incorda l'arco. Le sue gambe sono flesse e la testa con ciocche è voltata verso sinistra. Ovidio citò l'Eros nella sua opera le Metamorfosi.

La statua è una delle copie derivanti dalla celebre statua bronzea di Lisippo, noto per aver creato sculture dinamiche e maggiormente espressive, introducendo il ritratto individuale. Lavorò per Alessandro Magno, che ritrasse diverse volte. L'opera più famosa di Lisippo fu l’Apoxyòmenos del 320 a.C. circa (in greco colui che si sta detergendo) e rappresenta un atleta che si sta preparando per una gara. La statua originale in bronzo è andata perduta, ma nei Musei Vaticani è conservata una copia romana in marmo (Fig.2).

Plinio il Vecchio si espresse così nei confronti di Lisippo: "È fama che Lisippo abbia contribuito molto al progresso dell'arte statuaria, dando una particolare espressione alla capigliatura, impicciolendo la testa rispetto agli antichi, e riproducendo il corpo più snello e più asciutto; onde la statua sembra più alta. Non c'è parola latina per rendere il greco symmetria, che egli osservò con grandissima diligenza sostituendo un sistema di proporzioni nuovo e mai usato alle statue "quadrate" degli antichi. E soleva dire comunemente che essi riproducevano gli uomini come erano, ed egli invece come all'occhio appaiono essere. Una sua caratteristica è di aver osservato e figurato i particolari e le minuzie anche nelle cose più piccole".

Vi saluto con affetto.

Manuela.

Lisippo, Apoxyómenos, copia latina da un originale in bronzo greco del 330-320 a.C., marmo pentolino, 205 cm, Musei Vaticani, Roma. (Fig. 2)

63 visualizzazioni0 commenti

Lascia tuo commento direttamente nel Blog, qui sopra.

Lascia tuo commento accedendo con Facebook, qui sotto.

Selezione dei Post più recenti.