Cerca

Meriggio. Officine a Porta Romana di Umberto Boccioni in esposizione a Padova

Segnalazione mostra

A cura di Manuela Moschin

Mi potete seguire anche nel gruppo Facebook Storie di Libri https://www.facebook.com/groups/storiedilibriCOM/ e nella Pagina Facebook LibrArte https://www.facebook.com/librarte.blog

Meriggio. Officine a Porta Romana è il dipinto di Umberto Boccioni (Reggio Calabria, 1882 - Chievo, 1916) esposto a Padova nella mostra "Futurismo - La nascita dell'Avanguardia". Se avete occasione di visitarla, vi invito a farlo perchè ne vale veramente la pena. Una vasta raccolta di opere suggestive che vede protagonisti artisti come Balla, Boccioni, Russolo, Severini, Previati e molti altri. Il dipinto qui riportato raffigura una veduta della periferia di Milano, dove le industrie appaiono in contrasto con la vita dei campi. L'opera è stata dipinta con la tecnica divisionista, derivante dalla predilezione di Boccioni per Gaetano Previati che conobbe a Milano nel 1907. Gli esponenti del futurismo come Balla, Boccioni, Carrà, Russolo e Severini dichiararono nel 1910 "Nel Manifesto tecnico della pittura futurista": Non può sussistere pittura senza divisionismo. Pennellate lunghe e filamentose con colori separati restituivano, dunque, immagini luminose e dinamiche come questo dipinto che va goduto nei minimi particolari.


Da sinistra: Fortunato Depero, Luigi Russolo, Carlo Carrà, Filippo Tommaso Marinetti, Umberto Boccioni e Gino Severini, i futuristi presenti nella mostra a Padova "Futurismo 1910-1915 - La nascita dell'Avanguardia", fino al 26 febbraio 2023.


79 visualizzazioni0 commenti

Lascia tuo commento direttamente nel Blog, qui sopra.

Lascia tuo commento accedendo con Facebook, qui sotto.

Selezione dei Post più recenti.