Cerca
  • Manuela Moschin

Recensione del libro "Psichiatra in ghiaccio con cannella" di Pasquale Cavalera

📷

A cura di Manuela Moschin

Recensione "Psichiatra in ghiaccio con cannella" di Pasquale Cavalera 

Buongiorno, oggi vi presento lo scrittore Pasquale Cavalera, un autore che ho già apprezzato nel suo precedente libro intitolato "Prospettive". Il punto focale dei suoi libri risiede nello spirito di osservazione. Continue riflessioni e analisi si intrecciano a fatti e persone molto vicini a tutto ciò che ci circonda. La vita corre, sin troppo velocemente. Pasquale si sofferma invece a riflettere anche nelle piccole e apparentemente banali situazioni. In alcuni passaggi mi sono commossa e in altri mi è apparso un sorriso perché, in fin dei conti, ho rivissuto alcuni momenti della mia vita. Storie particolari che hanno tutte l'obiettivo di porre un freno allo scorrere del tempo che, come si dice, è tiranno. Come farlo? Lasciando da parte le inutili discordie, i litigi per motivi banali, sorridendo alla vita, cercando una buona volta di ricordare che ne abbiamo una ed è più che preziosa. La malattia è il primo campanello d'allarme che ti avvisa che è ora di dare un giusto valore alle piccole cose. Quante volte abbiamo detto se tornassi indietro? Ecco è questo che traspare nei meravigliosi scritti di Pasquale: l'amore per la vita. 

"Quanto amore le ho donato? Non ricordo pomeriggi al parco giochi, non ricordo passeggiate primaverili mano nella mano, non ricordo regali scartati insieme ai piedi dell'albero di Natale, non ricordo di averla mai stretta tra le mie braccia. Tornassi indietro cambierei molte cose, ma è facile pentirsi quando tutto è finito..." 

Congratulazioni Pasquale, consiglio caldamente il tuo meraviglioso libro. 

"Siamo certi di non vivere sotto una costante ipnosi sociale? Mi rivolgo in primis a coloro che hanno sempre lottato per dimostrare, prima di credere in qualcosa. Non voglio comprendere la realtà, vorrei solo sapere cosa di ciò che mi circonda è falso. La verità spesso non è dimostrabile, la menzogna sì." (L'autore)

Quarta di copertina

Non voglio comprendere la realtà, vorrei solo sapere cosa di ciò che mi circonda è falso.

La verità spesso non è dimostrabile, la menzogna sì.

A coloro che lottano per dimostrare prima di credere. 

Chi è Pasquale Cavalera?

"Logorroico, lo ammetto. Lo sono mio malgrado. Lo sono anche quando vorrei non esserlo. Finanche con gente incontrata per caso e mai vista prima, un attimo di disattenzione ed il dialogo decolla, carente di riserbo, agguantando rotte inaspettate. Il carburante non termina mai, come accade nei sogni che neppure il tempo riesce a scalfire. Mi interrompo solo quando l’interlocutore, salutando spazientito, si dilegua.

Una vastità di pensieri in un circuito all’apparenza chiuso contestualizza nella mia mente personaggi e situazioni, in un loop virtuoso dotato di una propria essenza. Il ventre impone rapidità di azione, smorzando il respiro nel petto compresso, fin quasi a soffocarmi. Non resta che arrendermi ed accettare inerme le pretese di ogni sillaba non pronunciata, di quelle in grado di originare un gran disordine nella vita, “Come se ogni fotogramma avesse atteso pigro la mia immaginazione per essere elaborato con meticolosità. Crudele, senza pietà”.

Se non parlo, scrivo. Gelosamente custodita in una penna dall’inchiostro blu, la mia anima rimescola emozioni. Sono Pasquale Cavalera, classe ottantatré, risiedo da sempre nel cuore pulsante del Salento. Specializzazione tecnica e passione umanistica, un’ambiguità di cui non posso più fare a meno. La mia prima biografia si concludeva così “Ingegneria e Scrittura, uno straordinario binomio, entità complementari con le quali Cavalera condivide la sua esistenza, il perfetto connubio vincente, armoniose facce di una stessa medaglia”." 

Fondatore di storiedilibri.com  https://www.storiedilibri.com

Autore: Pasquale Cavalera

Titolo: Psichiatra in ghiaccio con cannella

Pagine: 112

Data di pubblicazione: 10 maggio 2019


Scrivimi una email e fammi sapere cosa ne pensi

© 2020 by email: librarte.blog@gmail.com . creati con Wix.com