Cerca
  • Manuela Moschin

Recensione del Romanzo Storico Pax Tibi Liber Venetia di Elio Manili

📷

Recensione del Romanzo Storico "Pax Tibi Liber Venetia" di Elio Manili


"Pax Tibi Liber Venetia" di Elio Manili é un bellissimo romanzo storico ambientato nella Venezia del XVIII secolo. 

Ho rivissuto l’atmosfera della mia amata città attraverso un’affascinante storia romanzata. 

La trama è ben costruita e narra la vicenda del mercante di sete Tebaldo Alberiso e della moglie 

Lucrezia che, per una serie di intriganti vicissitudini, non è una coppia fedele. Lucrezia, a seguito di una sventura, ha perso il suo primo amore, ossia Marco Montis. Entrano in scena una serie di personaggi che rendono il racconto accattivante come il cicisbeo Monsier Desalt e il celebre letterato Ugo Foscolo. Il finale è senz’altro inaspettato… 

L’ambientazione è allettante e i personaggi sono ben caratterizzati. Si nota nell’autore una particolare attenzione nel riportare fatti realmente accaduti attraverso una minuziosa ricerca storica. 

Manili cita vari luoghi a me cari come la basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, un luogo incantevole dove tra le pregevoli opere emerge sull’altare centrale la nota Pala dell’Assunta di Tiziano. Nel libro si parla anche della Porta della Carta, del Palazzo Ducale e della Sala del Maggior Consiglio:”La sala del Maggior Consiglio era incorniciata da trentacinque ritratti raffiguranti gli accadimenti salienti della vita della città lagunare, nonché dai più celebri fatti d’arme. Su tutti il trionfo di Venezia incoronata dalla Vittoria. Al di sotto le effigi dei primi settantasei dogi”. 

La Repubblica della Serenissima con una storia lunga più di mille anni oramai è agli sgoccioli a causa dell’intromissione di Napoleone Bonaparte. Una spina per i veneziani che si vedono sottratta la loro perla. Mi piace ricordare che a questo periodo risale anche la spoliazione delle opere d’arte da parte delle truppe napoleoniche come i cavalli di San Marco che grazie all’intervento di Antonio Canova rientrarono a Venezia. Partiti da Parigi il 17 ottobre del 1815 i cavalli giunsero nella città trasportati su zattere e accolti a San Marco con una solenne cerimonia. 

Concludo dicendo che il libro mi è piaciuto molto e da veneziana l’ho apprezzato maggiormente. 

Complimenti Elio e grazie!

Sinossi

La Serenissima festeggia lo sposalizio del mare e il bucintoro, con a bordo l'ultimo doge, compie la tradizionale traversata. Ognuno dei protagonisti vi assiste con stati d'animo differenti: Lucrezia ha una spina nel cuore perché il suo primo amore Marco Montis, qualche anno prima è scomparso in mare durante una missione contro i corsari barbareschi; Tebaldo Alberiso, marito di Lucrezia e ricco mercante di seta, uomo infedele e dissoluto, è geloso di lei e decide di affiancarle il giovane cicisbeo monsieur Desalt; Ugo Foscolo, giovane levantino di belle speranze, vive la sua passione per la poesia e le donne. Fra grandi amori e sogni patriottici che si intrecciano con le vicende napoleoniche, si consumano i destini di ognuno di loro.

Autore: Elio Manili

Titolo:"Pax Tibi Liber Venetia"

Copertina flessibile: 200 pagine

Editore: Alcheringa (12 giugno 2019)

Collana: I rubini


0 visualizzazioni

Lascia tuo commento nel Blog qui sopra.

Lascia tuo commento Facebook qui sotto.

Selezione dei Post più recenti.

Scrivimi una email e fammi sapere cosa ne pensi

© 2020 by email: librarte.blog@gmail.com . creati con Wix.com