Cerca

Rembrandt. Un artista nell'Europa del Seicento di Marco M. Mascolo

Carocci Editore

A cura di Manuela Moschin

Mi potete seguire anche nel gruppo Facebook Storie di Libri di Pasquale Cavalera. Clicca qui: Link Storie di Libri

L'articolo è stato scritto per il sito La voce di Venezia: Clicca qui per il link La Voce di Venezia

Il dott. Marco Mascolo è l’autore del saggio “Rembrandt. Un artista nell’Europa del Seicento” edito da Carocci. Una guida aggiornata alquanto ricca di spunti interessanti, utile al fine di poter comprendere vari aspetti legati al percorso artistico di Rembrandt Harmenszoon van Rijn (Leida, 1606-Amsterdam 1669), che fu un eccellente disegnatore, pittore e incisore.

L’autore narra in modo dettagliato la vita dell’artista, raccontando aneddoti ed episodi da lui vissuti sin dalle prime esperienze nel campo dell’arte, giungendo a esprimere i motivi che lo hanno reso uno dei più affermati maestri del cosiddetto periodo dell’età d’oro olandese. Attraverso un’oculata precisione e una lodevole dimestichezza nel trattare la storia dell’arte, Mascolo si sofferma a descrivere ogni singolo capolavoro dell’artista, analizzando le opere in ordine cronologico attraverso un’indagine minuziosa e accurata. In primo luogo lo scrittore ripercorre fase per fase il periodo di formazione e i momenti di apprendistato compiuti da Rembrandt, presso maestri come Jacob van Swanenburgh e il pittore di storia Pieter Lastman.

Mascolo acuto conoscitore delle qualità artistiche di Rembrandt, indagando il contenuto delle fonti, derivanti dalla consultazione di una considerevole documentazione bibliografica, ha creato un saggio fondamentale per chi desidera conoscere le qualità pittoriche e incisorie dell’artista.

Rembrandt, ispirato dai maestri del Rinascimento italiano come Leonardo, Michelangelo, Raffaello e Tiziano, oppure da quelli nordici quali Luca di Leida, Albrecht Dürer, e Maarten van Heemskerck creò opere di grande spessore, manifestando in ciò una competenza ineluttabile.

L’Ultima Cena di Leonardo da Vinci per esempio fu per Rembrandt un modello da seguire per realizzare la tela Le nozze di Sansone del 1638, che produsse attraverso l’elaborazione di schizzi che imitano l’opera vinciana:«Tre importanti disegni sono stati legati a questa composizione. Si tratta di schizzi dall’Ultima cena di Leonardo da Vinci, conosciuta grazie a una delle incisione che furono tratte dal capolavoro milanese.» (Mascolo, 2021)

La Danae, ossia la tela di Rembrandt presente all’Hermitage di San Pietroburgo, deriva anch’essa dalla tradizione rinascimentale italiana, in questo caso proveniente da Tiziano, dal quale Rembrandt ne trasse ispirazione: «Con quest’opera Rembrandt pone una vera e propria pietra miliare nella tradizione pittorica olandese e, allo stesso tempo, riesce a emulare uno dei modelli cui probabilmente in quegli anni guardava di più: Tiziano». (Mascolo, 2021)

Rembrandt, oltre ai numerosi ritratti, raffigurò soggetti storici, religiosi, mitologici e una quantità esorbitante di autoritratti.

Se siete perciò appassionati d’arte e incuriositi dalle abilità di questo sommo artista, vi invito a leggere questo meritevole volume che offre una conoscenza approfondita, incentrata su un’analisi biografica, storica, artistica e culturale.

Descrizione

Rembrandt Harmenszoon van Rijn è uno degli artisti più amati di tutti i tempi e il suo mito, cresciuto fra Ottocento e Novecento, di fatto non è mai tramontato. Il libro ricostruisce in modo approfondito, e aggiornato sulla base della più recente bibliografia, la sua lunga attività e, attraverso un'analisi ravvicinata delle opere - dipinti, incisioni e disegni -, fa emergere tutta l'originalità di questo grande pittore. Rembrandt ha saputo dar vita a un linguaggio artistico straordinario, in cui il dialogo con la grande tradizione del Rinascimento - soprattutto italiano, ma non solo - si unisce a una nuova sensibilità per l'osservazione della natura. Geniale sperimentatore, sempre alla ricerca di soluzioni tecniche originali, ha creato capolavori universali, come la Ronda di notte, la Danae e i molti autoritratti. Il volume segue la carriera dell'artista dal periodo giovanile a Leida, attraverso i "ruggenti" anni Trenta ad Amsterdam, sino alle vicende della cosiddetta bancarotta del 1656, offrendo un'immagine di Rembrandt in parte nuova e, forse, anche inaspettata.

Marco M. Mascolo ha studiato all’Università di Siena, alla Scuola Normale di Pisa ed è stato borsista al Kunsthistorisches Institut di Firenze– Max-Planck-Institut. Le sue ricerche affrontano temi di arte europea fra Trecento e Quattrocento e di storiografia artistica del Novecento.

Tra le sue pubblicazioni «Un occhio finissimo». Wilhelm R. Valentiner (1880-1958) storico dell’arte tra Germania e Stati Uniti (Viella, 2017) e Roberto Longhi. Percorsi tra le due guerre (scritto con Francesco Torchiani, Officina Libraria, 2019).


Rembrandt van Rijn "Autoritratto con capelli scompigliati" 1628 Olio su tavola, cm. 22,6x18,7 Amsterdam Rijksmuseum
“I mendicanti alla porta di casa” Rembrandt 1648 incisione all’acquaforte
Rembrandt van Rijn "La Lezione di Anatomia del dottor Tulp" 1632 olio su tela cm 169,5x216,5 L'Aja Mauritshuis
“Rembrandt con i tre baffi” Rembrandt 1634 incisione all’acquaforte
Rembrandt van Rijn "Autoritratto" 1655-1658 cm. 49x41 Vienna, Kunsthistorisches Museum
Rembrandt van Rijn "L'allegra coppia" (Il Figliol prodigo dilapida la sua eredità) olio su tela 1636 cm. 161x131 Staatliche Kunstsammlungen di Dresda
Rembrandt van Rijn "Artemisia riceve le cenere da Mausolo" 1634 olio su tela cm. 142x153 Madrid, Museo Del Prado


30 visualizzazioni0 commenti

Lascia tuo commento direttamente nel Blog, qui sopra.

Lascia tuo commento accedendo con Facebook, qui sotto.

Selezione dei Post più recenti.